home lombardiapress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
CRONACA E ATTUALITÀ
POLITICA LOCALE
Precedente  Successivo
 
31/01/2018IDeA Monza e Brianza
 
IDeA Monza e Brianza tramite il coordinatore Maurizio Mauro risponde alle affermazioni di Vittorio Feltri
 
LE RIFLESSIONI SULL'ARTICOLO APPARSO SU LIBERO DEL 21 GENNAIO SCORSO
 
Maurizio Mauro: le donne vanno pagate quanto gli uomini e l'avere figli non deve essere un handicap per la loro vita lavorativa
 
Già alcune affermazioni fatte da persone comuni o con meno "voce in capitolo" risultano decisamente abominevoli, ancor peggio lo diventano se rilasciate da persone con una potenza comunicativa indiscussa.
Sto parlando delle affermazioni di qualche giorno fa di Feltri sulle donne che fanno figli e sulla ragionevolezza ad avere di conseguenza uno stipendio inferiore.
Il direttore editoriale di Libero esprime la posizione che le donne devono portare il peso dello svantaggio nel procreare, quindi si assentano e di conseguenza lavorano meno, quindi una paga inferiore.
Secondo Feltri le paghe sono uguali per tutti poi per le assenze di maternità e di malattia dei figli non si fanno gli straordinari (si pagano ancora?), la maternità la può esercitare solo la donna e quindi l'universo femminile se ne deve fare una ragione.
Alcune semplici considerazioni:
-I figli si fanno in due, anche Feltri ha figli, sa quindi che la "responsabilità" è di entrambi
-Le assenze sono convenzionalmente femminili ma, sempre rifacendoci alla precedente, anche il ruolo del padre è quello di prendersi cura della prole e volendo lo può fare (escludiamo il discorso del parto), accorrendo quando I figli non stanno bene, le vaccinazioni etc etc
-Rimarcare questa differenza da parte di un direttore editoriale fa riflettere su come si possa usare strumentalmente un mezzo influente di comunicazione, un quotidiano nazionale ed un uomo con una visibilità mediatica di un certo peso
-L'affermazione che la paga base è uguale per tutti può essere vera ma forse il direttore non conosce molto bene cosa accade nel mondo del lavoro: esiste in ogni azienda, una parte contrattuale aggiuntiva, esistono dei livelli di categoria e sempre e comunque queste risultano a sfavore delle lavoratrici (studi ONU e di molte altri enti nazionali e internazionali). Non facciamo finta di non sapere che spesso a parità di lavoro vi sono livelli di categoria diversi...
Ulteriormente mi chiedo cosa ne pensano la moglie, le figlie (3) e la nuora di Vittorio Feltri di quanto scritto su Libero. Ritengo personalmente le sue parole offensive e ne percepisco la convinzione di relegare le donne a "produttrici" di figli, zitte, con l'unico diritto di subire discriminazioni
Maurizio Mauro
Coordinatore provinciale Monza e Brianza- IDeA Popolo e Libertà
 


ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda Monza

27
febbraio
tasto
tasto
karon

img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province della Lombardia
   

Cerca le biblioteche della Lombardia
   

LombardiaPress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine della Lombardia
   

MEDIA PARTNER

C6tv Ciao Como
Bergamo7 Mantova TV
Radio Orizzonti Radio Millenium
Lodi Notizie Sette Giorni

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login