home lombardiapress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
ECONOMIA E LAVORO Precedente  Successivo
 
18/10/2019Clem
 
Una prospettiva per l'internazionalizzazione delle imprese
 
I COMMERCIALISTI: INVESTIRE IN UNGHERIA CONVIENE
 
 


Si è tenuto giovedì 17, presso la sede dell'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bergamo, l'incontro “Ungheria: una prospettiva per l'internazionalizzazione delle imprese”, alla presenza del Dott. Jenő Csiszár, Console Generale d'Ungheria in Italia.Grandi potenzialità d'investimento, aliquote fiscali ridotte che agevolano gli imprenditori che creano posti di lavoro, un Pil in continua crescita, questo è quanto emerso nel corso dall'incontro «Ungheria: una prospettiva per l'internazionalizzazione delle imprese» organizzato dall'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bergamo, con l'intento di far luce sulle grandi potenzialità di investimenti per le imprese bergamasche in Ungheria.

“Le imprese che aprono un'attività commerciale o produttiva nel nostro Paese” spiega Melinda Szilagyi Responsabile dell'Ufficio Economico e Commerciale presso il Consolato Generale d'Ungheria a Milano, referente dell'HIPA (Agenzia ungherese per la promozione degli investimenti) a Milano “sono vicine ai potenziali mercati del Centro – Est Europa, Russia o Emirati Arabi. I vantaggi costituiti dalla posizione geografica strategica nel cuore dell'Europa sono innegabili e la rendono la piattaforma logistica ideale per i movimenti commerciali Est-Ovest, così come una rete di collegamenti stradali e ferroviari tra le più efficienti nell'UE, con una manodopera altamente qualificata e competitiva”.

“Quella ungherese” sottolinea Paolo Saita Consigliere dell'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bergamo, Delegato della Commissione Diritto e Fiscalità Internazionale “è oggi considerata una delle legislazioni europee più favorevoli (insieme a Lussemburgo, Belgio, Olanda, Malta, Cipro e Irlanda) in tema di imposte dirette, con una flat tax al 15% sul reddito delle persone fisiche, e utili societari tassati del 9%, oltre che l'assenza di ritenute alla fonte sui pagamenti di dividendi, interessi e royalty in uscita. Un Pil che cresce del 4%, incentivi alle imprese, una burocrazia orientata a semplificare le attività̀ aziendali per rendere l'amministrazione societaria snella e agevole, e una forza lavoro qualificata ad un costo tra i più ragionevoli a livello europeo, sono punti favorevoli da non trascurare. Il mercato ungherese, soprattutto in ambito manifatturiero, può essere lo sbocco ideale per le imprese della nostra provincia, per delocalizzare, concentrarsi su mercati esterei e differenziare i “rischi paese”. E' tuttavia necessario rivolgersi a professionisti qualificati per pianificare ed indirizzare correttamente le scelte imprenditoriali, minimizzando i rischi legati alla disciplina dei prezzi di trasferimento ed alle ripercussioni nell'ambito normativo interno di scelte di politiche fiscali troppo aggressive. Per quest'ultimo motivo l'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bergamo attraverso una serie di incontri informa e divulga nozioni tecnico scientifiche per una corretta pianificazione internazionale delle imprese bergamasche, affiancandole nel cogliere le opportunità che il mercato globale offre.”

Numerosi i temi trattati durante l'incontro, introdotto dal Dott. Jenő Csiszár Console Generale d'Ungheria in Italia. Melinda Szilagyi e l'Avv. Paolo A.D. Di Franco, hanno offerto ai presenti un quadro commerciale, societario e fiscale, approfondendo i dettagli dell'economia ungherese, la tassazione delle società e le prassi da seguire per accedere agli incentivi messi a disposizione delle imprese che intendono investire in Ungheria.I

DATI:
Nel 2018 il Pil Ungherese è cresciuto del 4,9%, secondo l'Ufficio di Statistica KSH, pari a circa 137 miliardi di euro, soprattutto grazie al contributo dei settori di servizi e industriale. Per quanto riguarda il settore industriale, emerge che il comparto manifatturiero ha registrato la maggiore crescita, ad eccezione del settore dei mezzi di trasporto. Il volume degli investimenti è cresciuto del 17% e sono stati creati oltre 17.000 nuovi posti di lavoro con un salario lordo medio più alto del 40%. Il volume delle esportazioni è aumentato del 4,3%, e quello delle importazioni del 6,9%.Per il 2019 si stima che l'economia del Paese continuerà a crescere ad una media superiore di quella europea.
 


ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



EVENTI


agenda eventi

19
novembre
tasto
tasto
karon

img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province della Lombardia
   

Cerca le biblioteche della Lombardia
   

LombardiaPress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine della Lombardia
   

MEDIA PARTNER

C6tv Ciao Como
Bergamo7 Mantova TV
Radio Orizzonti Radio Millenium
Lodi Notizie Sette Giorni

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login