home lombardiapress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
TURISMO - VINO E SAPORI
TURISMO - FIERE E MERCATI
TURISMO - ALTRE ATTRATTIVITÀ
Precedente  Successivo
 
10/08/2016Mucho Gusto
 
Il MEC non si ferma mai
 
FERRAGOSTO IN ALTO OLTREPO
 
Continuano le trasferte golose del Mercatino Enogastronomico della Certosa: appuntamento a Piani del Lesima, sulla via del Sale e dove Annibale passò per andare a sud
 


Pavia, Agosto 2016 – Continuano le trasferte golose del Mercatino Enogastronomico della Certosa di Pavia che lunedì 15 Agosto torna a Brallo di Pregola. Nuova location per la cultura del gusto che per Ferragosto si sposterà in un luogo suggestivo a pochi chilometri dal borgo e dal Passo del Brallo, in località Piani del Lesima (1250 metri sul livello del mare), destinazione SportHotel Prodongo che per l'occasione aprirà al pubblico anche il suo centro benessere.

Il Mercatino Enogastronomico della Certosa di Pavia sarà presente con una selezione dei suoi produttori i quali presenteranno le loro storie di eccellenza e le loro tipicità in uno scenario magnifico, fatto di faggi secolari e sorgenti di acqua fresca, dominato dai 1724 metri del Monte Lesima. Punto di partenza per suggestivi percorsi di trekking e per la Via del Sale, sarà anche vetrina per formaggi e mostarde, il salame di Varzi e, dalla Lomellina, il salame d'oca ed il riso; il vino dell'Oltrepo, birra artigianale, lo zafferano, i distillati, le offelle di Parona. E ancora verdura di stagione tra cui cipolle e patate dell'Oltrepo Pavese e l' archeo-gastronomia, eccellenze gastronomiche medievali e rinascimentali come l'idromele, birre celtiche, confetture di frutti dimenticati, giuggiole, corniole.

Il Monte Lesima è la cima più importante dell'Appennino in quanto con i suoi 1724 metri di altitudine è la vetta più alta del crinale che separa la provincia di Pavia con quelle di Piacenza, Genova, Alessandria. Un crocevia tra 4 regioni (Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Liguria) dominato da questa montagna ben riconoscibile grazie a quella cupola bianca che è stata sistemata sulla punta: un maxi radar utilizzato per il controllo del traffico aereo e qui posizionato negli anni novanta. Questo monte si presenta al turista in due versioni davvero opposte tra loro: da un lato pendii dolci ricoperti in parte da boschi e in parte da pascoli; dall'altro una parete a precipizio di rocce stratificate.
Questi luoghi videro anche il passaggio di Annibale. Nel 218 a. C. l'esercito cartaginese, reduce dal successo nella battaglia del Ticino contro i Romani, era diretto a sud: transitando proprio dal Brallo l'esercito, che si prestava ad una tappa, decise di sostare proprio in questo territorio ove fissò per alcuni giorni l'accampamento. Annibale approfittò di questa sosta per studiare il percorso da seguire. Il cartaginese, insieme ad un gruppo di soldati, salì sulla cima più alta dell'Appennino, il Monte Lesima. Giunti sulla vetta Annibale indicò ai suoi la vicina Valle Trebbia come obiettivo su cui puntare. Attorno alla salita di Annibale sul Monte Lesima è legata una leggenda secondo la quale Annibale, durante la perlustrazione del monte cadde da cavallo riportando una ferita alla mano. Di qui ebbe origine, sempre secondo la leggenda, il toponimo Lesima che deriverebbe appunto da "Lesa Manus".
 

Allegato 1
Vai all'evento

ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

03
dicembre
tasto
tasto
karon

img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province della Lombardia
   

Cerca le biblioteche della Lombardia
   

LombardiaPress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine della Lombardia
   

MEDIA PARTNER

C6tv Ciao Como
Bergamo7 Mantova TV
Radio Orizzonti Radio Millenium
Lodi Notizie Sette Giorni

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login