home lombardiapress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
TURISMO - VISITE GUIDATE
TURISMO - FESTE E SAGRE
TURISMO - ALTRE ATTRATTIVITÀ
Precedente  Successivo
 
12/01/2017Mucho Gusto
 
Alle porte di Milano
 
15 GENNAIO, MORIMONDO SALUTA L'ANNO NUOVO CON IL FALÒ DI SANT'ANTONIO
 
Mercatino dei sapori pavesi con il MEC e borgo in festa: chiacchiere, dolci, cioccolata e vin brulè per tutti
 


Morimondo, città slow e borgo tra i più belli d'Italia, domenica 15 Gennaio dà il via ad un anno fitto di occasioni di festa. Protagonista della manifestazione della terza domenica di Gennaio il magico falò dedicato a Sant'Antonio: un avvenimento molto sentito ed una domenica con un programma semplice ma molto atteso così come il rito del fuoco (alle 16:30 alla sede della Pro Loco di via Sant'Attilio) capace di trasportare il pubblico in un viaggio indietro nel tempo.

Il crepitio delle fiamme per Sant'Antonio Abate, patrono degli animali: in questi giorni di gennaio, il parroco usava andare nelle cascine per benedire gli animali nelle stalle e propiziare un'annata proficua.



Una vecchia filastrocca cantava: “Sant'Antoni del purcell/ ch'el sunava ul campanell/ ul campanel el l'a perdù/ Sant'Antoni el se scundù/ el se scundù de drée a una porta/ gh'era là una dona morta/ la dona morta l'a sguagnì/ Sant'Antoni el s'è strimii/ el s'è strimii in una tal manera/ che tucc i ann ghe fan la fera”.



A Morimondo quest'avvenimento si ripete da molti decenni: domenica 15 la Pro Loco organizzerà per quanti raggiungeranno questo piccolo borgo così suggestivo alle porte di Milano per assistere al Falò una tavolata ricca di dolci, chiacchiere e tortelli compresi, cioccolata e vin brulé per rifocillarsi e celebrare insieme questa festa.



Ad animare le vie di Morimondo le bancarelle degli hobbisti e i banchi d'assaggio, degustazione e vendita del MEC - Mercatino Enogastronomico della Certosa di Pavia, vetrina delle eccellenze food&wine del triangolo d'oro del gusto rappresentato da Lomellina, Oltrepò e Pavese. Zona altamente vocata all'enogastronomia con i suoi vini DOC, i salumi e i formaggi. In degustazione formaggi tipici della Val Staffora, pane, paté e salumi d'oca, salame di Varzi, pasta fresca. Saranno inoltre presenti i pluripremiati vini DOC dell'Oltrepò Pavese, riso dalla Lomellina, olio pugliese, arance e limoni, avocado e fichi d'India dalla Sicilia, salse, marmellate, miele e dolci tipici quali le offelle di Parona.

Un atlante del gusto ricco di tipicità ed eccellenze per una realtà che si caratterizza per fiducia e famigliarità come il negozio sotto casa di una volta.





Falò di Sant'Antonio e Mercatino Enogastronomico della Certosa di Pavia

Domenica 15 Gennaio 2017

Dalle 10 alle 18

Morimondo (Mi), Corte dei Cistercensi e altri luoghi

Ingresso gratuito

Per informazioni 347 7264448; www.agenziareclam.it; www.prolocomorimondo.eu



L'Abbazia di Morimondo fu fondata nel 1136 dai cistercensi provenienti dal monastero francese di Morimond, i quali, trapiantati in Lombardia, conservarono il nome della loro abbazia madre (da "mora", parola della bassa latinità = palude). La basilica, sorta in periodo successivo alla costruzione del monastero (dal 1182), è oggi il monumento di maggior importanza di Morimondo. Rispecchia il disegno delle chiese cistercensi voluto da S. Bernardo: grandiose e solenni in contrasto con l'austerità e la povertà della vita dei monaci, cui è attribuito il merito di aver intrapreso l'opera di bonifica e valorizzazione agricola del territorio. L'esterno in mattoni è in stile gotico francese con elementi romanico-lombardi. La facciata presenta un taglio a capanna; il portale è preceduto da un pronao (porticato posto davanti alla chiesa) aggiunto nel 1736. Un rosone centrale, bifore, aperture cieche e altre a cielo aperto definiscono la parte superiore, coronata da una fila di archetti che continuano sui fianchi. L'interno di forma basilicale, a 3 navate su pilastri con volte a crociera, con transetto e abside rettangolare.Opere: entrando a destra si nota una magnifica acquasantiera trecentesca con rosoni e teste fantastiche. Degno di nota il coro, commissionato dai monaci di Settimo Fiorentino, stabilitisi a Morimondo nel 1490, all'intagliatore abbiatense Francesco Giramo, che lo concluse nel 1522. Si compone di 70 stalli divisi in 2 ordini; negli scranni sono raffigurati motivi simbolici.Sul fianco destro della chiesa si apre il chiostro, dove affacciano le varie parti del monastero, più volte riprese e rimaneggiate nel tempo. Il lato est è il piu' antico, con la sala capitolare, il sovrastante dormitorio, il "parloir" e la "sala di lavoro" dei monaci. Sul lato sud si affacciano il "calefactorium" (unico locale riscaldato) e il refettorio. L'ala dei conversi, lato ovest, è quella che ha subito maggiori trasformazioni.
 

Allegato 1
Vai all'evento

ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

28
novembre
tasto
tasto
karon

img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province della Lombardia
   

Cerca le biblioteche della Lombardia
   

LombardiaPress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine della Lombardia
   

MEDIA PARTNER

C6tv Ciao Como
Bergamo7 Mantova TV
Radio Orizzonti Radio Millenium
Lodi Notizie Sette Giorni

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login