home lombardiapress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
POLITICA LOCALE Precedente  Successivo
 
13/05/2011Comune di Dalmine
 
 
LEGA E MINORANZE UNITE NELLA LOTTA ALLA PROSTITUZIONE, SI ASTIENE IL PDL
 
Approvata nell'ultima seduta consiliare la modifica al regolamento della polizia urbana: introdotto l'art. 61 bis “Contrasto della prostituzione e delle diverse forme di sfruttamento” ed una sanzione da 250 a 500 euro.
 
Nonostante l’astensione del Popolo della Libertà il Consiglio comunale ha approvato, nella seduta di mercoledì 11 maggio, la modifica al regolamento della polizia urbana.

Alla base della delibera, come si legge nella sua motivazione, la “necessità di colmare un vuoto normativo che non consente agli Enti locali di contrastare il fenomeno della prostituzione su strada”; un problema che Dalmine senza alcun dubbio conosce fin troppo bene. Non a caso è stato uno dei primi comuni ad introdurre, già nel ‘98, l'ordinanza antiprostituzione e ad attivare dal 2001 dei controlli serali fino alle 24 per cinque giorni a settimana. Nell’aprile 2010, inoltre, proprio il Sindaco Terzi aveva emesso un'ordinanza che aumentava la sanzione per i clienti a € 500,00, prevedendo un’ammenda simile anche per la prostituta.

Grazie alla nuova modifica, quindi, il regolamento della polizia urbana prevede ora, tra i vari reati e divieti, anche il Contrasto alla prostituzione (art. 61 bis), con il quale s’introduce e sancisce il divieto assoluto non solo di esercitare l’attività di meretricio, ma anche di fermarsi o intrattenersi con le prostitute.
L’ordine del giorno, presentato proprio dal primo cittadino, è stato accolto con favore non soltanto dai consiglieri della Lega Nord, ma anche dagli esponenti delle minoranze presenti in sala: Diego Frazzini, Fabiano Tironi e Massimo Longaretti del Partito Democratico, Adriano Fanzaga di Dalminechiara.

A sorpresa, la proposta di modifica ha suscitato per contro la reazione dei membri del PdL rappresentato da Pierluca Colombo, Leonardo Greco e Adriano Zeggio. Il gruppo consiliare ha infatti esposto un emendamento per “ridurre le sanzioni applicate dall’art. 61 bis”, suggerendo nel contempo di far stazionare, a scopo dissuasivo, una volante del Corpo di Polizia locale sulla strada provinciale, piuttosto che impegnare gli Agenti nel presidio dell’intero territorio della Città.

«Il comportamento di Colombo, Greco e Zeggio mi lascia sinceramente senza parole» dichiara il Sindaco Claudia Maria Terzi «non riesco infatti a comprendere le ragioni di una simile presa di posizione rispetto ad un fenomeno che da anni rappresenta un grande problema per la nostra Città. Non a caso ogni Amministrazione, indipendentemente dal colore politico, si è battuta per cercare di contrastare e ridurre il propagare delle prostitute sulle nostre strade, nel nostro territorio.»

E mentre al Governo Pdl e Lega Nord sono sempre più compatti nella lotta alla prostituzione su strada, lo stesso non si può dire a Dalmine, dove per la prima volta la maggioranza si trova nettamente divisa nonostante, come spiega il primo cittadino, il tema fosse ampliamente previsto in campagna elettorale «Nel programma, condiviso e sostenuto a suo tempo da tutto il Pdl – ricorda il Sindaco – si parla chiaramente di sanzioni più severe e iniziative contro la prostituzione. È un impegno che abbiamo preso nei confronti dei nostri cittadini, elettori e non, e che dobbiamo mantenere. Oltre tutto – prosegue – se nel 2010 la mia ordinanza non ha suscitato alcuna polemica, non comprendo perché adesso che la stessa violazione viene inserita nel regolamento di Polizia Urbana Colombo, Greco e Zeggio si debbano opporre. Forse ai tre consiglieri del Pdl sono sfuggite le ordinanze in questione o forse si sono dimenticati che il nostro primo interesse è e deve essere la tutela dei nostri cittadini, della nostra Città e del nostro territorio. Ritengo poi inaccettabili le critiche mosse alla nostra Polizia locale da sempre impegnata in un costante e puntuale controllo del territorio, soprattutto nel contrasto alla prostituzione. Credo che una loro spiegazione ai dalminesi sarebbe un atto dovuto; da parte mia non posso che ribadire il mio disappunto e dare invece atto alle minoranze che, su questa specifica questione, ci hanno appoggiato in toto.»
 

Allegato 1

ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



EVENTI


agenda eventi

30
maggio
tasto
tasto
karon

img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province della Lombardia
   

Cerca le biblioteche della Lombardia
   

LombardiaPress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine della Lombardia
   

MEDIA PARTNER

C6tv Ciao Como
Bergamo7 Mantova TV
Radio Orizzonti Radio Millenium
Lodi Notizie Sette Giorni

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login