home lombardiapress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
POLITICA LOCALE Precedente  Successivo
 
21/02/2015Busto Arsizio
 
LEALTA' POLITICA
 
CONFRONTO LEALE SUL TEMA DELLE FOIBE TRA LA RUSSA E VIOLANTE A SESTO CALENDE
 
 


Con sommo e inaspettato piacere ieri ho assistito all'incontro a Sesto Calende che ha ripercorso come si è arrivati a celebrare il 10 Febbraio,giornata di memoria delle 20.000 vittime delle foibe giuliano-dalmati-istriani perpetrate in quelle terre dai partigiani Titini (del dittatore comunista Jugoslavo Tito).
Hanno esposto le proprie ragioni gli On.Violante e l'On.La Russa e bisogna dare atto a Violante di aver stupito il sottoscritto e credo anche la platea, parlando con lealtà e riconoscendo con umiltà gli errori dellle spinte negazioniste di una parte della sinistra Italiana.
Per La Russa è stato più facile parlare in quanto la proposta de “la giornata del ricordo” venne proprio dai suoi banchi, precisamente dall'ex deputato Bellunese Roberto Menia di Alleanza Nazionale.
Potrei parlare bene e a lungo degli interventi di La Russa ma non lo farò perché sarebbe troppo facile.
Il passaggio più interessante credo sia stato quando Violante ha detto che “non è negando una storia che se ne afferma un'altra”, una frase che ha generato ammirazione anche da parte di Ignazio che ha esortato la platea a lanciare un secondo applauso al suo “avversario” Violante.
La lealtà politica di Violante mi ha fatto ben sperare che in Italia si possano superare finalmente certe barriere ideologiche e che il popolo Italiano in fin dei conti è uno solo.
Se il Patto del Nazareno fosse una prova di lealtà politica io francamente non l'ho capito e credo che io non sia l'unico però sicuramente se ci fossero più Violante forse avremmo una politica più sana e meno faziosa.
Lascio Sesto Calende col cuore speranzoso ma nel tragitto Sesto-Busto mi raffiorano alla mente le polemiche sterili della sinistra Bustocca sul palaghiaccio, Malpensa Express, nomina di Lattuada nella consulta, e addirittura il banchetto della rete anti-fascista che vuole i fascisti fuori da Busto perché la presenza fascista è articolata e pressante, sia istituzionale che militante.
Posso capire che di persone come Violante non ce ne siano tante in circolazione però credo che anche a livello locale ci dobbiamo sforzare a trovare figure come la sua per edificare qualcosa di costruttivo per la nostra città e abbandonare le miopi faziosità.
Guardando avanti mi vengono in mente quei concittadini che nel 2016 vorrebbero un sindaco 40enne con le palle e mi convinco che quella non è la strada giusta ma che dobbiamo cercare un “Violante” Bustocco, meglio se del centrodestra.
 


ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

21
gennaio
tasto
tasto
karon

img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province della Lombardia
   

Cerca le biblioteche della Lombardia
   

LombardiaPress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine della Lombardia
   

MEDIA PARTNER

C6tv Ciao Como
Bergamo7 Mantova TV
Radio Orizzonti Radio Millenium
Lodi Notizie Sette Giorni

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login