home lombardiapress perche' aderire promotori testate la forza contatti
LoginRegistrati
Home Karon Home
karon
karon




 
POLITICA LOCALE Precedente  Successivo
 
02/01/2017Europei per l'Italia
 
Il Governo di Sorin Grindeanu potrebbe decidere per un referendum sulla moneta unica in Romania
 
2017: ROMANIA IN UE DA 10 ANNI, ECONOMIA RILANCIATA E GRINDEANU PREMIER
 
Marian Mocanu: " Emerge chiaramente che per la Romania il saldo del decennio è positivo in termini di crescita.Procedendo per comparazione, risulta che in quest'arco di tempo la Romania è cresciuta più dell'Ovest."
 
Il 1 gennaio 2017 si sono compiuti dieci anni dall'ingresso della Romania nella Unione Europea e nel 2019 è in programma il primo semestre di presidenza rumena dell'Unione Europea, ed è molto probabile che il nuovo Governo di Sorin Grindeanu sarà chiamato a ricevere l'onore e prendersi cura dei doveri di questa importante presidenza.
“Da poco un altro Stato ha deciso di restare fuori dall'euro,l'Ungheria, - spiega Marian Mocanu di Europei per l'Italia - nonostante siano passati tredici anni dal loro ingresso nell'Unione Europea il governo ungherese non ha ancora la ben che minima intenzione di adottare la moneta unica. Anche la Romania prima o poi dovrà decidere se accettare oppure no la moneta unica europea e per questa scelta delicata il Premier Sorin Grindeanu e il suo governo potrebbero lanciare un referendum nazionale.”
Si può comunque ragionare, dopo dieci anni, su qualche dato certo: quelli dell'economia. Emerge chiaramente che per la Romania il saldo del decennio è positivo in termini di crescita. Questo risultato coinvolge tutti, senza eccezioni. Tra l'altro, procedendo per comparazione, risulta che in quest'arco di tempo la Romania è cresciuta più dell'Ovest europeo. Mentre paesi di lungo corso come la Grecia (dove l'austerità ha ovviamente inciso molto) e l'Italia hanno addirittura perso qualche punto di Pil.
“Non tutto luccica in ogni caso in Romania, - aggiunge Marian Mocanu - i consumi nei paesi della fascia orientale dell'Ue sono piuttosto stagnanti e questo accade anche in Romania. La crescita è ancora trainata dall'export - continua Mocanu - realizzato dalle grandi aziende occidentali che investono nelle regioni dell'ovest, principalmente nelle provincia di Timisoara del Premier Sorin Grindeanu ma anche Oradea e Arad. Va tuttavia registrato che è ormai affermata la tendenza a investire nei servizi, più che nella manifattura, sono finiti i tempi quando aziende come la Pirelli, la Ford oppure la Renault traslocavano e creavano migliaia di posti di lavoro. Il tempo della grande delocalizzazione selvaggia è finito anche se conviene ancora traslocare in Romania, e non lo dico solo io – sottolinea Mocanu - purtroppo lo sanno bene i 1.600 dipendenti licenziati dall'italiana Almaviva che ha deciso di trasferirsi in Romania proprio in questo periodo.” –conclude Marian Mocanu.
 


ISCRIVITI

LAVORA CON NOI

LOGIN



agenda eventi

24
gennaio
tasto
tasto
karon

img
Iscriviti alla newsletter per ricevere settimanalmente la segnalazione degli eventi nelle provincie di tuo interesse

   

Cerca i comuni delle province della Lombardia
   

Cerca le biblioteche della Lombardia
   

LombardiaPress ti consiglia


Spread Firefox Affiliate Button Adobe Acrobat Reader

ricerca comunicati

Titolo
Testo
Promotore
Argomento
Provincia
Comune
Data inizio
Data fine
   

 

 

 


Cerca le cantine della Lombardia
   

MEDIA PARTNER

C6tv Ciao Como
Bergamo7 Mantova TV
Radio Orizzonti Radio Millenium
Lodi Notizie Sette Giorni

 

© Karon srl

Home

Contatti

Login